Si è appena conclusa l’edizione di questo 2016 del NAMM tenutosi tra il 21 e il 24 dicembre in California.
Il parco di controller e synth presentati in questa edizione hanno scatenato non poche isterie, gioie e critiche da parte di addetti e amatori della sintesi.

NAMM 2016

NAMM in sintesi

Per l’occasione abbiamo raccolto le proposte più interessanti tra sintetizzatori e controller MIDI, passando dai marchi più noti alle novità. Per quanto riguarda i sintetizzatori c’è stato un trionfo della portabilità pur non compromettendone le potenzialità, il caso più lampante ci è stato offerto dall’ultimo Minilogue di casa Korg, il nuovo Volca FM o i nuovi Pocket Operators di Teenage Engineering. Altrettante le novità proposte per quanto riguarda i controller, a partire dal nuovo Roland A-01, corollario della serie Boutique.

I Controller MIDI

ROLI Seaboard RISE 49

Estesa finalmente dai 25 a 49 tasti, Roli diventa finalmente un controller su misura per i più virtuosi e per chi soffre la claustrofobia nello spazio di due sole ottave. Il sistema touch a 5 dimensioni (Strike, Press, Glide, Slide e Lift) conferma l’innovativo approccio del suo più piccolo predecessore.

È possibile preordinare Roli Seabord RISE 49 al prezzo di € 1299,99 (bruscolini!). Le spedizioni partiranno nella seconda metà di febbraio.

Korg Nano Series Studio

“Ancora i nanoKontrol?” Si. Korg questa volta punta ad unire un design compatto e funzionale, tanto da guadagnarsi il riconoscimento da parte di NAMM per i migliori mobile MIDI controller e mobile MIDI keyboard.

La piccola keyboard dispone di 8 trigger pad, 8 knob e un touch pad in stile Kaoss Pad, già intercettato nei suoi predecessori. Inoltre diventa smart grazie alla funzione Scale Guide che retroillumina le note raccomandate per una scala, riducendo all’estremo le difficoltà.
Il suo gemello è dotato di fader e knob oltre una jogwheel e tutti i vari piccoli parametri che possono aiutare a gestire il mixer del nostro DAW senza necessariamente immergere la testa nel monitor.

Sia nanoKEY Studio e nanoKONTROL Studio sono collegabili al proprio computer non solo via usb ma anche via bluetooth. Grazie a questa funzione sarà possibile far interagire nanoKontrol e nanoKey anche con smartphone ed iPad.

Roland A-01


A chiudere il quadretto della famiglia Roland Boutique spunta quasi a sorpresa A-01, disegnata sia per funzionalità MIDI che fornita di Gate e CV e un sequencer a 16 step, ottimo per chi si sta affacciando al mondo del modulare.

Anche la A-01 è costruita per gestire sia una connessione bluetooth sia via usb batterie, inoltre dispone di un display lcd a 192×40 pixel.

The Roland A-01 ticks all of your boxes—whether you want to warm up backstage, control every element of an elaborate home studio setup, or create original music from scratch, this flexible controller and sound generator is your one-stop solution.

Sintetizzatori

Korg Minilogue


Korg quest’anno si è rimboccata le maniche, ed estrae dal cilindro il nuovissimo Minilogue, sintetizzatore polifonico a 4 voci e 2 oscillatori ad un prezzo decisamente accessibile per la categoria (ci aggiriamo sui € 599,00 al momento).

Korg Minilogue è dotato di ben 100 preset, più altri 100 programmabili dall’utente, filtri, LFO, step sequencer e delay per un numero elevato di soluzioni.

Dave Smith Instruments OB-6


Per la gioia di tutti i nostalgici della sintesi, il vero tocco retro ci è dato dagli sforzi congiunti di Dave Smith e Tom Oberheim, “friendly competitors” dalla fine degli anni ’70, ora entrambi genitori della stessa creatura, l’OB-6.

L’OB-6 porta con sé il classico timbro dell’Oberheim unito a innesti più moderni per una maggiore qualità: introdotto step sequencer polifonico, arpeggiator, reverbero, delay. Dispone di doppio oscillatore (più un sub-oscillator), filtri High Pass, Low Pass, Band Pass e notch. Inclusi 500 preset factory più altri 500 parametri editabili.

Dave Smith OB-6 è già disponibile sul mercato al costo di circa € 2.900 (altri bruscolini!).

Yamaha Montage


Yamaha si proietta meno sul lato vintage della sintesi e punta al domani con il nuovo Montage. Montage dispone di Motion Control Synthesis Engine, letteralmente una fusione di due Sound Engines: AWM2 (basato su sintesi sottrattiva) ed FM-X (nuovo modulo di sintesi in FM), questi due motori possono essere disposti liberamente per zone o livelli, un super knob che può controllare simultaneamente più parametri, motion sequencer ed un follower di inviluppi.

Interact with MONTAGE Performances using Motion Control: a highly programmable control matrix for creating deep, dynamic and incredibly expressive sound. With Motion Control, you can create new sounds not possible on previous hardware synthesizers.

Yamaha Montage sarà disponibile sul mercato a Maggio 2016 nelle versioni Montage8 (88 tasti), Montage7 (76) e Montage6 (61), il prezzo rimane ancora un mistero.

Arturia MatrixBrute


Il cuore di Arturia MatrixBrute è nel suo sistema di modulazione matrix che consente la creazione delle proprie routine. La matrice può essere anche utilizzata per richiamare i preset: è possibile richiamare in tempi brevissimi uno dei 256 preset senza scorrere menù o passare per delle macchinose routine di richiamo.

Ovviamente il sistema Matrix può essere anche interfacciato per riprodurre sequenze e 12 CV / Gate Input/Output per sfruttarne le potenzialità sul versante modular.
Disponibile al prezzo di € 1999.

This is analog avant-garde.

Volca FM


Korg non ha ancora ufficializzato Volca FM sul suo sito, ma è stato esposto al NAMM e messo a disposizione degli addetti ai lavori, aggiungendosi così ai rispettivi Volca Beats, Bass e Keys.

Trattasi di una vera e prorpia risposta al DX7 (in versione compatta), inoltre, la presenza di ben 6 operatori giocano a favore del piccolo di casa Korg (due in più del reface DX7) a discapito però di una polifonia ferma su sole 3 voci rispetto alle 8 del suo diretto competitor.

Dotato dello stesso step sequencer dei restanti Volca, di ingresso e uscita MIDI e MIDI input per la sincronizzazione, con un’aggiunta: warp, active step e pattern chain.

Alla prossima…

NAMM rimanda il proprio appuntamento al prossimo Luglio a Nashville, Tennessee per il Summer NAMM. L’attenzione sarà focalizzata maggiormente sul development più che su nuovi prodotti, e l’affluenza previstasarà minore rispetto quest’edizione di Gennaio.
Per ora non resta che fare due conti e valutare il prossimo upgrade.

Tagged with →