Il Giappone, si sa, è da sempre una terra di fascino, in cui innovazione e tradizione viaggiano parallelamente. Delle volte può capitare che queste parallele si incrocino per un momento, e viene fuori una di quelle cose che ti fanno esclamare “perché non ci ho mai pensato prima?”. Le idee efficaci non sempre prendono forma da piani elaborati all’esasperazione, di quelli architettati così bene che ti occupano il sonno e non ci dormi la notte.

I Low You. Lo-feels

Questa volta è capitato che a qualcuno è venuto in mente, ma in realtà ci stava pensando da molto tempo, di mettere su una netlabel improntata su quel sound lo-fi – sporco sì, artefatto no – che nella sua semplicità è in grado di trascinare con sé una serie di feels che manco sai descrivere con precisione, che nostalgico ti attira dal profondo, come determinate sfumature del lo-fi.

È una di quelle cose che quando inizi a lavorarci ti tolgono il sonno perché è lì, sei entusiasta e lo trasmetti a tutti, soprattutto non ci dormi la notte. È il caso di I Low You Records, netlabel con sede in quel di Tokyo e che vede protagonista e artefice Emiliano Ruggiero, al secolo (come producer, s’intende) Earthquake Island.

Occhio alla home page di ilurecords.

Surfing Charlotte apre le danze

La release inaugurale è a cura di Surfing Charlotte artista di Tokyo. La matrice di ispirazione fa capo agli anni ’80, alle VHS ed ai soundtrack “da viaggio” di quegli anni.

surfing charlotte

Old Logos vol 1 (questo il titolo) è il primo di una serie di concept album vicini agli elementi multimediali di quegli anni, elementi che si avvicendano in modo così ben costruito da trovare nell’immediato il supporto di synth ed effetti sonori negli arrangiamenti, per una risultante dai contorni ambient e deep, tipiche del suono di quegli anni.

I Low You records new arrivals

La buona notizia è che, a poche settimane dalla sua uscita, Old Logos vol 1 è segnalato tra le migliori new arrivals di bandcamp.
La notizia migliore è che I Low You Records prosegue sulla sua strada, sebbene ancora lunga da tracciare.
Auguriamo ad I Low You Records buona fortuna, le aspettative sono alte, e le premesse ci sono tutte.

Tagged with →